Porto Rico, storia e battaglie

Stampa

Il Porto Rico è un’isola del nord est del mar dei caraibi, la più piccola delle grandi Antille (arcipelago del mar dei caraibi che comprende Cuba, Giamaica, Repubblica Dominicana e Haiti). E’ un territorio non incorporato degli Stati Uniti d’America, che con un referendum popolare del 2012, ha scelto di divenire Stato Federato degli Stati Uniti d’America, per adesso in sostanza è solo un protettorato USA, con un proprio governatore Alejandro Garcia Padilla, e che riconosce come proprio presidente Barack Obama. La situazione politica dell’isola ha fatto parlare molto di se negli anni recenti, da parte della stampa un po’ in tutto il mondo: in Italia ne ha parlato Francesco Semprini, che in un articolo del quotidiano la “Stampa”, pubblicato nei primi giorni dello scorso febbraio, dal titolo “PORTO RICO, CHE È UN PROTETTORATO USA E GLI ABITANTI SONO CITTADINI AMERICANI, RISCHIA IL DEFAULT”, parlando di sofferenza sociale e di politiche di austerità portate avanti dal governo del paese, . Sicuramente sono due le ondate di protesta che hanno mostrato la presenza di un movimento che ha fatto sentire la propria voce contro le politiche neo – liberiste imposte alla popolazione: le proteste studentesche contro i tagli all’istruzione del 2010 – 2011 e le proteste contro i tagli nel 2013 da parte degli insegnanti dell’isola. Ha risposto ad alcune domande, parlandoci dei problemi del suo paese, Edgardo Roman, 26 anni, è membro dell’Union de Juventudes Socialistas, l’ala giovanile del Movimiento Socialista de Trabajadores e che da vita alla pubblicazione del giornale “Bandera Roja”; l’MST è organizzazione socialista che ha più di trent’anni in Porto Rico.

Di Mattia Gallo

Alcune delle proteste più conosciute nel Porto Rico sono state sul fronte dell’educazione, come le proteste studentesche del 2010/2011 e le proteste più recenti del 2013. Possiamo dire che l’educazione nel paese è sotto attacco? Quali sono I motive di queste ondate di protesta?

Come accade per la maggior parte dei paesi, il nostro governo è stato attaccato duramente dalle banche, proprietarie del debito pubblico, e da loro è stato imposto di attuare politiche di austerità, tagliando la spesa pubblica. A causa della nostra condizione coloniale, invece della Banca Mondiale, noi abbiamo a che fare con le banche private americane di Wall Street. In un certo senso possiamo dire che abbiamo avuto un attacco generale sui servizi pubblici, non solo l'istruzione. Il nostro ultimo governatore ha licenziato migliaia di lavoratori pubblici, ha eliminato tutti i diritti del lavoro e tagliato il bilancio dell'Università pubblica (UPR) per 100 milioni di dollari. Il nostro attuale governatore ha venduto il nostro più grande aeroporto, smantellato il sistema pensionistico per i lavoratori pubblici e vuole anche tagliare il budget UPR su altri 100 milioni di dollari. Il fatto è che anche abbiamo visto è un attacco globale su tutto il servizio pubblico,  soltanto il sistema educativo è stato in grado di resistere in qualche modo. Gli scioperi degli studenti nel periodo 2010 e 2011 erano contro gli effetti dei tagli sul costo dei bilanci, l'aumento delle lezioni, l'eliminazione delle tasse speciali per atleti, musicisti. C’è stata una prima ondata di  proteste nel maggio-giugno del 2010, abbiamo avuto una parziale vittoria, abbiamo risparmiato la tassa speciale per gli atleti, musicisti, e più importante, per la prima volta noi a studenti è stato riconosciuto il diritto di negoziare collettivamente la nostra condizione di studenti. Proprio alla fine dello sciopero a giugno 2010, il governo ha annunciato l'intenzione di includere una nuova tassa di 800 dollari l'anno a partire dal seguente gennaio 2011. Questa è la ragione per la seconda ondata di proteste di dicembre 2010-gennaio 2011. Questa seconda ondata di scioperi fu più violenta, ci furono anche diversi scontri con la polizia di stato. Questa nuova tassa non è stata fermata, ma il governatore fu indebolito politicamente per questa scelta, due anni più tardi perse le elezioni e il nuovo governo ha eliminato immediatamente la tassa.  Quindi, si può dire che in qualche modo indiretto, lo sciopero ha vinto. L'ultima protesta degli insegnanti insegnante è stata dovuta per la difesa del loro sistema pensionistico. L'idea è stata l'eliminazione del sistema collettivo di pensionamento per gli insegnanti attivi e l'imposizione di contratti individuali, a cui sono seguite delle forti proteste attenuatesi quando si è riuscito a raggiungere un compromesso, per cui la Corte Suprema ha deciso che  tali modifiche si applicano solo ai docenti a contratto da ora in poi. Essa non pregiudicherebbe le attuali insegnanti, ma questo non si configura come un diritto per il resto dei lavoratori pubblici.

Qual è stato l’impatto della crisi economic finanziaria mondiale su un paese come il Porto Rico? Quali i settori più colpiti?

 

La crisi ha avuto un effetto complessivo sui vari settori della classe lavoratrice. Le imposte sono state alzate , la disoccupazione reale è al 40%, stiamo vedendo andare via persone a causa dell'immigrazione, i lavori privati ?stanno esaurendo, i lavoratori pubblici hanno perso i diritti del lavoro. Questi fattori hanno un impatto diffuso sulla nostra società. Le nostre più importanti critiche al governo sono quelle per cui esso agisce sottomesso alle banche estere, che hanno veramente governato l'isola senza ottenere alcun voto. Sempre governando a favore degli investimenti di capitale americani, sempre contro gli interessi della gente comune. A questo punto è facile stabilire chi sta beneficiando di questa situazione e chi ne è colpito. È il grande investimento capitalista (soprattutto americano ma anche europeo) come Walmart, Amgen, Pfizer, Walgreens, Johnson e Johnson, ecc che stanno risquotendo profitti estremamente grandi, mentre la maggior parte dei Porto - ricani preferiscono trasferirsi nello Stato della Florida, invece di sopportare le dure condizioni economiche create dal capitale. Solo una piccola elitè locale di famiglie borghesi che possono usufruire di finanziamenti, la terra e di centri commerciali per i mega-negozi, stanno beneficiando della nostra situazione sociale. Il resto del popolo, piccole imprese, lavoratori pubblici, lavoratori privati??, gruppi di professionist e disoccupati stanno soffrendo.

 

Qual è stato tradizionalmente il rapporto tra Porto Rico e gli Stati Uniti d’America? Quali, secondo te, gli aspetti più critici di questa relazione?

Ufficialmente siamo in un territorio non incorporato, siamo posseduti dal Congresso. L'ultima volta  la Corte Suprema degli Stati Uniti ha dichiarato che Puerto Rico appartiene agli Stati Uniti, ma non è parte degli Stati Uniti. A mio parere siamo una delle ultime colonie del XIX secolo. Quando gli Stati Uniti hanno invaso nel 1898, si impose un governo militare dove ogni carica è stata direttamente decisa dal presidente degli Stati Uniti. Questo è cambiato nel 1900, sono stati gli Stati Uniti a decidere per noi di volere un governo repubblicano, ma uno strano repubblicano perché il presidente degli Stati Uniti aveva il potere di "eleggere" il Governatore portoricano e il Senato (che era anche il Gabinetto) , il Porto Rico solo poteva scegliere un deputato. Nel 1917, la Jones ACT ha cambiato il nostro rapporto unilateralmente di nuovo. Questa Legge ha dato un Senato al Porto Rico scelto da maschi bianchi, ma ha anche imposto la cittadinanza americana su di noi e ha stabilito che il governatore è eletto dal presidente degli Stati Uniti. Come risultato di questo, 20.000 Porto Ricani entrano come pedine delle forze armate statunitensi nella seconda guerra mondiale. Nel 1948 hanno permesso la prima elezione del governatore, e nel 1952 ci chiedono di scegliere tra quello che avevamo o mantenere la subordinazione politica al Congresso, ma almeno avendo una costituzione. La nostra costituzione ha un articolo minore che dichiara che la prima priorità del governo è quella di pagare il debito nazionale (non alla Banca Mondiale, ma a Wall Street). E questo, stando alla politica dell’attuale governo, allora si può fare tagliando l'educazione o la salute, ecc Questo è il nostro rapporto con il Stati Uniti, abbiamo il nostro governo, che è la costituzione e che afferma chiaramente che il congresso degli Stati Uniti ha il potere supremo.

Quando è nata l’organizzazione dell’Unione dei Giovani Socialisti (UJT)? Quali sono le sue prospettive e quail le sue radici nella storia della sinistra radical in Porto Rico, dopo la seconda Guerra mondiale?

A causa della nostra subordinazione politica verso gli Stati Uniti, la sinistra radicale è sempre stata un mix con i gruppi nazionalisti; dopo tutto entrambi supportano l'indipendenza del Porto Rico. Alcune volte nella storia abbiamo avuto organizzazioni politiche con una chiara definizione su questo tema, ma nella maggior parte dei casi, anche nelle organizzazioni più grandi e più influenti, nazionalismo e socialismo ha convissuto e gareggiato con ogni organizzazioni. Questo è accaduto perché le classi sociali rappresentate in queste organizzazioni, per il bene o per il male del movimento di indipendenza sulla nostra isola, furono un'alleanza  tra un disagio quotidiano più piccolo, piccolo borghese, che aveva perso tutto il potere economico e politico a causa degli investimenti di capitale USA, e la classe operaia urbana e rurale. Poco prima della seconda guerra mondiale Stalin ordina al Partito Comunista del Porto Rico di sciogliersi in un partito liberale (Partito popolare democratico) che pretende di lottare per l'indipendenza e la giustizia sociale. Ma subito dopo la guerra questo partito rinuncia al reclamo dell’indipendenza e da seguito al negoziato di una costituzione che afferma chiaramente la nostra subordinazione. L'ancora forte movimento indipendentista ha fondato un proprio partito politico denominato Puerto Rico Independence Party, che ha boicottato il referendum costituzionale, e corse per le elezioni del 1952 guadagnando il secondo posto. Ma gli investimenti di capitali enormi e una velocità incredibile dell'immigrazione fece si che il sostegno dell'indipendenza andò in declino. Questo è accaduto perché la piccola borghesia e borghesia nazionale si fece incredibilmente ricca attraverso la vendita di prodotti statunitensi ed ha amministrato l'investimento di capitale degli Stati Uniti, e la classe operaia ha approvato una modernizzazione rapida a causa della industrializzazione dell'economia, anche incentivata da un piano di buone opere ben renumerate , una buona e accessibile l'educazione, (l'espressione colloquiale è che grazie a questo processo i Portoricani ora hanno le scarpe), ecc. La reazione del partito di indipendenza fu quella di nascondersi, e cercare di attuare solo la competizione per guadagnare legislatori in un’assemblea priva di poteri e competere solo negli anni delle elezioni. Questa nuova realtà ha provocato un intenso dibattito all'interno del partito, con l'espulsione di un settore del partito che voleva tornare sulle "strade" con un approccio più militante. Dopo la rivoluzione cubana, e influenzato da essa, questo gruppo di persone ha fondato il Movimento per l'Indipendenza. Gli anni 60 segnano una rivitalizzazione della lotta per l'indipendenza, ancora con il problema della miscelazione del nazionalismo e del marxismo. Sui 70 si è raggiunto l'alto picco della lotta per l'indipendenza di Puerto Rico, sia il Movimento per l'Indipendenza è diventato il Partito Socialista, dichiarandosi marxista, sia il partito dell'Indipendenza dichiarò di credere nel socialismo (senza mai dichiararsi marxista). E nel 1972 il partito di indipendenza con il motto o "Arriba los de abajo", la nostra versione del potere al popolo che ottenne un supporto incredibile. Sulla chiusura della campagna, durante la marcia dei giovani per l’indipendenza furono sollevate le foto di Lenin, Mao, Che Guevara, Fidel Castro e Salvador Allende. Anche se l'appoggio del partito aumentatò rispetto alle elezioni del 1968, l’ala destra nazionalista piccolo-borghese del partito ha dichiarato che a causa delle immagini di quei "dittatori", il sostegno era più basso di quello che avrebbe potuto essere. L’anno seguente nel 1973 ci sarebbe stata una elezione del presidente successivo del partito; gli unici due candidati rappresentavano l'ala destra del partito e chiesero che l’ala giovanile chiedesse perdono per aver sostenuto il comunismo. Dopo questo l’ala giovanile chiese un terzo candidato e difese la necessità di trasformare il partito in un partito comunista, 200 membri si iscrissero, e fondarono nel 1974 l'Unione della Gioventù Socialista (per gli studenti universitari) e il Movimento Socialista,  un'organizzazione marxista che vuole aspirare a creare (con qualsiasi altra organizzazione marxista), il partito operaio con una visione chiara contro il nazionalismo della nostra storia, e con una strategia di abbattere il governo, e creare una forma di governo libera nel nostro paese dagli Stati Uniti e dal capitalismo.  Il resto del secolo hanno segnato un declino e disintegrazione del resto della sinistra radicale. Poco dopo che il partito di indipendenza rinunciò al socialismo così ha fatto anche il Partito socialista, ora sono delle organizzazioni di sinistra nazionalista (qualunque cosa questo possa significare), ed a causa di questo la maggior parte dei compagni socialisti fondarono decine di piccole organizzazioni socialisti. Nel 1982 una di queste organizzazioni, il Partito socialista rivoluzionario unito con il Movimento socialista popolare ha fondato il Movimento Socialista dei Lavoratori, che è la nostra storia, il nostro nome giovane è dovuto al fatto di mantenere in onore di quegli studenti che spalleggiò il partito di indipendenza nel 1972. Da allora abbiamo cercato di riorganizzare la resistenza nel nostro paese. La nostra influenza è stata limitata a Puerto Rico Teachers Federation (il sindacato più militante degli insegnanti) e il movimento studentesco dell'università pubblica. Non è un caso che solo questi due settori sociali (con poche eccezioni) stanno veramente combattendo. L'ultimo decennio è stato estremamente rigenerante, abbiamo assistito ad una rinascita di idee socialiste e siamo passati da un paio di decine di persone a un paio di centinaia. C'è ancora molto da fare, non potremo mai smettere di cercare di metterci al lavoro, non riusciremo mai a smettere. "Viva Puerto Rico libre y socialista".

 


Condividi su Facebook