• Registrati
    *
    *
    *
    *
    *
    Fields marked with an asterisk (*) are required.
You are here:

ASSALTI FRONTALI ALL’ALBA DELLA MODERNITÀ: LA PIRATERIA CARAIBICA

E-mail Stampa PDF

 

 

ASSALTI FRONTALI ALL’ALBA DELLA MODERNITÀ: LA PIRATERIA CARAIBICA

 

di Domenico Bilotti

 

La pirateria, intesa come assalto di navi regolari per fini di bottino, è connaturata alla nascita della navigazione commerciale. Ogni epoca storica ha avuto la sua pirateria, anche quando di quelle esperienze si è persa traccia nell’immaginario collettivo. C’erano, ad esempio, predoni di navi nella romanità matura e in quella tarda (con scopi, organizzazioni e ritrovati tecnici diversi); c’erano i Vichinghi nell’Europa medievale e la loro parabola si concluse in sostanza con la cristianizzazione della Scandinavia e contestualmente l’accentramento delle autorità mondane. La più copiosa forma di pirateria sistematica della modernità si ebbe tra la fine del XVIII secolo e l’inizio del XX nel Mar Cinese, impegnando migliaia di uomini: un’esperienza spesso inesplorata nella storiografia occidentale, ma cruenta nelle forme e particolarmente tenace nell’azione di saccheggio.

 

 

C’è stata, inoltre, sei secoli prima, una forte pirateria di origine italiana che in qualche modo scaturiva dalla fiorente esperienza mercantile delle repubbliche marinare, a confermare che l’attività predatoria spesso si lega alla dinamica dei beni da depredare. La sua conclusione giunge quando quel sistema extralegale viene in qualche misura ricondotto alle forme della legalità, o con la repressione o con un’estinzione ingenerata da fattori sostanziali (modificazione delle rotte commerciali, insorgenza di nuove pratiche, persino trasformazioni produttive).  

Quando si fa riferimento alla “pirateria” si tende a richiamare l’esperienza di pirateria per antonomasia della comune percezione: la pirateria caraibica tra la fine del XVI secolo e l’inizio del XVIII. Centocinquant’anni di storia, a ben vedere, che esauriscono quasi completamente il fenomeno della pirateria nel senso comune (anche per l’enorme mole aneddotica scaturitane nell’immaginario collettivo). Non vuol dire che, estintasi la pirateria caraibica, si sia concluso il fenomeno della pirateria nel diritto della modernità e della post-modernità (se si vuol dar corso anche a questa indicizzazione ricostruttiva). I pirati odierni, anzi, hanno ampliato il loro carnet di attività, ricomprendendovi il traffico e la tratta di esseri umani, il trasporto di materie prime destinate alla lavorazione per il mercato degli stupefacenti, nonché spesso la diretta partecipazione al sub-mercato delle merci contraffatte. Rispetto all’estetica preromantica e tardo-barocca della visione secentesca, che forgiava nella letteratura “bricconi” di dubbia moralità, ma di seduttivo afflato bellicoso e decadente, si tratta di un palese scadimento. Questi pirati di oggi non disdegnano i crimini contro i minori, non disprezzano legami strutturali con organizzazioni criminali multinazionali, mercanteggiano con la corruttela pubblica ben più di quanto facessero i corsari britannici del diciassettesimo secolo.

Quel che è certo è che la pirateria è fondamentale per comprendere taluni meccanismi giuridici dello Stato liberale e della moderna configurazione convenzionale delle relazioni tra gli Stati. Il “diritto di inseguimento in mare” nasce come norma consuetudinaria del diritto internazionale; i titoli rappresentativi delle merci servono a prospettare ictu oculi la dotazione commerciale di un carico; persino la violenta epopea degli imperi coloniali finisce per adoperare figure di mercenari che vengono da esperienze di navigazione lecita e illecita. La crisi della pirateria caraibica è, perciò, sostanzialmente rappresentativa delle pratiche di governo attraverso cui l’ordine costituito alimenta o contrasta, a fini di proprio consolidamento, forme di extralegalità che influiscono sul divenire storico della legalità, ma che poi da essa sono espunte fino alla soppressione. Prova ne sia l’elevato utilizzo, da parte di Spagna, Inghilterra, Francia e Olanda, dal 1600 fino senz’altro alla prima metà del ‘700, di flotte di pirati per scorrerie contro navi mercantili delle potenze volta per volta avverse. Si può dire, anzi, che la pirateria abbia impresso modificazioni significative anche alla dinamica della guerra: l’assalto compiuto da una nave pirata a danno di una flotta regolare rivale non corrisponde nel diritto commerciale di quei decenni a un attacco sempre imputabile alla corona che ha autorizzato il compimento di atti di pirateria.

I pirati, divenendo corsari (muniti cioè di “patenti di corsa”, di “lettere corsare” e forme concessive simili), divengono pure strumenti della guerra mercantile che ridisegna gli scenari del potere appena un secolo prima delle rivoluzioni borghesi, che a quell’asset concentrazionario del potere pubblico daranno ulteriormente nuova configurazione politica.

È, perciò, arduo definire se la pirateria abbia costituito una tipologia di crimen all’interno di un potere o contro un potere, all’interno di una morale sociale dominante o all’esterno di essa. Pirati, certo, frequentemente divenivano soggetti estromessi da ruoli regolari – tendenzialmente per ragioni disciplinari o religiose; il “codice dei pirati”, come corpus unitario scritto, non è esistito, ma sono esistiti usi, discipline, consuetudini, bozze di fonti a trasmissione intergenerazionale, che certificavano contemporaneamente l’orizzontalità della decisione collettiva, ma anche attitudini dispotiche non sempre estromesse dalle funzioni di comando. Ecco perché conviene recuperare, della pirateria, la sua componente costitutiva interna, di attitudine latamente libertaria, più che la stratificazione formale mano a mano addomesticata dal mutare delle pratiche di commercio. Quest’ultima è, infatti, instrumentum regni che attua e conforma una morale dell’agire per mare congrua alla pratica di governo; la prima, invece, è espressione di ribellione, di contrasto, di libertà che, negate dalla norma, prendono invadentemente corpo nella res publica piratarum. Più iconica che normante, ma non per questo meno interessante.  

 


 


Condividi su Facebook
 

Ultimi Eventi Inseriti

No current events.

ESODO CONTENUTI

Click on the slide!

INCHIESTE

In questa sezione potrete trovare tutti gli articoli relativi alle nostre inchieste. 

Altri...
Click on the slide!

POLITICA

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi alla politica locale, italiana ed estera.

Altri...
Click on the slide!

ASSEMBLEE / INCONTRI

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi a manifestazione, assemblee ed incontri. 

Altri...
Click on the slide!

ONDE E PARTICELLE : DOVE ANDARE E DOVE NO

Onde e Particelle : dove andare e dove no

Altri...
Click on the slide!

DISCORSI DA DIMENTICARE

Troverete i nostri articoli in merito a tutti quei discorsi da "dimenticare".

Altri...
Click on the slide!

SCUSA ME LA FAI UNA STORIA

Tutte le vostre storie ...

Altri...
Click on the slide!

L'OROSCOPO DELLA CONGIUNTURA POLITICA

Il nostro simpatico Oroscopo della Congiuntura Politica.

Altri...
Click on the slide!

LINK CONSIGLIATI E SCONSIGLIATI

I nostri consigli su tutto ciò che offre il web.

Altri...
Frontpage Slideshow (version 2.0.0) - Copyright © 2006-2008 by JoomlaWorks

INCHIESTE

ESODO LAST FIVE ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI (PER CATEGORIE)

Prime note su cognizioni ed illusioni nel sapere astronomico

Prime note su
cognizioni ed
illusioni nel sapere
astronomico
Franco Piperno




Queste note sono interne ad una lunga consuetudine di interlocuzione - su ciò che è vero o
reale e ciò che è c...
Leggi tutto...

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

di Mattia Gallo

Di seguito una selezione dei celebri mattoncini danesi coinvolti in personaggi, situazioni storiche e battaglie di oggi, schierati dalla parte antisistema. 

 

Sul fatt...

Leggi tutto...

Cosenza migrante

Cosenza migrante

di Mattia Gallo

 

Cosenza tra le prime città di emigrazione in Italia: questo lo dice il Rapporto Italiani nel Mondo 2013, a cura della Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopa...

Leggi tutto...

La nave dei rifiuti

La nave dei rifiuti
 

Butta giù che va in Calabria: i nostri rifiuti producono altre “navi interrate”.

Nell'ultimo mese la “questione Calabrese” ha avuto uno sprazzo di visibilità con le navi dei veleni...
Leggi tutto...

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

INTRO_ 2009: Esco in un interno ed alzo gli occhi…quattromilasettecento metri quadrati di vetro e acciaio segnano la distanza tra ...

Leggi tutto...

Fuori dall'obiettivo 1 : "Curare" il meridione rompendo le servitù volontarie

Fuori dall'obiettivo 1 :
 
 
Dopo il quotidiano spettacolo delle truffe sui fondi pubblici , per le regioni definite in ritardo di sviluppo, marcate come Obiettivo 1, si tratta a questo punto di riportare il ...
Leggi tutto...

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.
 
 

Il ministro ha battuto un colpo: qualche settimana fà , in base ai poteri conferitigli, quasi di sfuggita, da un codicillo annegato nella ultima legge finanziaria, ha decretato l...

Leggi tutto...

Discussione sul Reddito BIN-ITALIA a Salerno 2010


… dell’associazione giù a Salerno, ci assumiamo anche un compito latamente politico, cioè quello di cercare, in una realtà, tra l’altro come quella meridionale che del passaggio tr...

Leggi tutto...

Discorso dulla servitù volontaria

Discorso dulla servitù volontaria
Il "Discorso sulla servitù volontaria" è una di quelle opere dallo strano destino: ignorata per lunghi periodi improvvisamente riesce ad accendere non solo dispute fra storici ma a...
Leggi tutto...

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

(cartina del 1693  dell'abate Pacichelli)

 

 

Di seguito un estratto dal contributo “Per vedere occorre prima chiudere gli occhi”, di Massimo Ciglio, pubblicato nel libro “Vento del m...

Leggi tutto...

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

 

L’otto marzo da poco trascorso ad Istanbul si ricorderà per l’importante partecipazione al corteo in difesa dei diritti delle donne in un paese dove il governo di Erdogan tende a ...

Leggi tutto...

monologo d'amore

Lui mi diceva sempre:
 
LE CONDIZIONI SONO ATMOSFERICHE COMUNQUE,
COMUNQUE METEOROLOGICHE.
 
Mi diceva.
Ed io non capivo; intuivo, percepivo, però proprio capire no, mai!
Poi una notte, d...
Leggi tutto...

Consumatori (in)governabili

Consumatori (in)governabili

1. La critica della società dei consumi è sport antico e ricorrente. Peccato che troppo spesso si riduca a lamentazione nostalgica, o, ancora peggio, si t...

Leggi tutto...

LINK SITI AMICI

BIN ITALIACASA EDITRICE COESSENZAREPUBBLICA ROMANARADIO CIROMAACTIONRADIOSSINADINAMOSTORIE MIGRANTI

Chi è ON-LINE

 22 visitatori online

ULTIME NOTIZIE

Main Menu

ESODO MUSICA

There seems to be an error with the player !

ASCOLTA RADIO CIROMA

Radio Ciroma

listen with Window Media Player   listen with Winamp   listen with iTunes   listen with RealPlayer
$errstr: $errno