• Registrati
    *
    *
    *
    *
    *
    Fields marked with an asterisk (*) are required.
You are here:

La contestazione del Presidente Napolitano all'UNICAL

E-mail Stampa PDF
 
 
C'è qualcosa di straniante nel fatto che all'Unical, nel giorno dell'inaugurazione dell'anno accademico, ci sia un'aula magna in cui si festeggia, mentre, a pochi metri di distanza, nello spazio oltre le transenne, su e giù per il ponte, si muove l'Onda, che dribbla e manda in confusione le forze dell'ordine. Una storia buffa! A pensarci, all'origine del tutto deve esserci un disturbo percettivo, o un virus che attanaglia l'ateneo e ne ottunde la coscienza. Questa ipotesi, quella della perdita di coscienza, assume aspetti tragicomici se si pensa che lo scenario è l'università e non un centro commerciale.  Mentre in aula magna il corpo accademico festeggia, con il presidente Napolitano e una parte di quel ceto politico calabrese -a cui sarebbe meglio non riconfermare più nessun mandato, visto il livello di insipidezza e corruttela espresso in questi anni-  fuori, i manifestanti, questi che “non si accontentano mai” ,come dice un poliziotto – fanno pendere dal ponte uno striscione, con su scritto: “non c'è un caz2o da festeggiare”,- nota comica, lo striscione viene censurato dalla polizia in veste “discorsiva”, così come era successo poco prima con i volantini “sovversivi” dei ricercatori precari-.

“Eichmann, non si nasce, si diventa”, altro striscione, questa volta non censurato, anche se, ad alcuni, la parola Eichmann ha destato sospetto: non sarà un messaggio in codice o un termine scurrile scritto, questa volta, in tedesco?. 
 Per la Arendt, inviata del settimanale New Yorker, a Gerusalemme, nell'aprile del 1961, per seguire il processo ad Eichmann - l'ufficiale che aveva coordinato il trasferimento di centinaia di migliaia di ebrei nei campi di sterminio tedeschi-,  La banalità del male, di cui si diceva, era il risultato dell'irriflessività; di una sorta di corto-circuito in cui saltano le relazioni tra la facoltà di pensare, di giudicare cosa è bene e cosa è male, per far posto alle cieca obbedienza, irriflessiva, ad ordini e leggi; come “addetto ai trasporti”, appunto, anche se si trattava di portare persone al macello. " Il guaio del caso Eichmann- scrive la Arendt- era che uomini come lui ce n'erano tanti e che questi tanti non erano né perversi né sadici, bensì erano, e sono tuttora, terribilmente normali. " (La banalità del male)
 Questa preziosa, chiave di lettura arendtiana, vale anche per quanto sta succedendo a Gaza. Dove Israele sta massacrando indisturbato, da giorni, i palestinesi, dopo averli costretti per decenni a vivere nella paradossale condizione  di  chi è “sotto sequestro” in casa propria; dove luoghi un tempo familiari, sicuri, sono ora l'anticamera di un enorme obitorio, in cui si piange per la morte di migliaia di donne, uomini, bambini, anziani. Vittime, anche loro, della banalità del male: di quel piombo fuso che ha ucciso, in meno di un mese, 1300 persone; dell'incapacità politica dell'Europa e dell'Onu; e dei silenzi di quei finti intellettuali, di politici e persone che preferiscono muoversi come comparse, protetti  dalla lingua di Esopo, là dove sarebbe  indispensabile  pensare e prendere parola attivamente.

Da parte nostra, quel male lo condividiamo “banalmente” ogni volta che ci limitiamo a fare spallucce dinanzi all'orrore, o quando per onorare cariche, incarichi transenniamo “banalmente” i discorsi nei limiti consentiti dal protocollo.  
" La manifestazione del vento del pensiero non è la conoscenza; è l'attitudine a discernere il bene dal male, il bello dal brutto. " (La vita della mente H. Arendt)
 
(autore E. Della Corte)
  


   

Condividi su Facebook
 

Ultimi Eventi Inseriti

No current events.

ESODO CONTENUTI

Click on the slide!

INCHIESTE

In questa sezione potrete trovare tutti gli articoli relativi alle nostre inchieste. 

Altri...
Click on the slide!

POLITICA

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi alla politica locale, italiana ed estera.

Altri...
Click on the slide!

ASSEMBLEE / INCONTRI

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi a manifestazione, assemblee ed incontri. 

Altri...
Click on the slide!

ONDE E PARTICELLE : DOVE ANDARE E DOVE NO

Onde e Particelle : dove andare e dove no

Altri...
Click on the slide!

DISCORSI DA DIMENTICARE

Troverete i nostri articoli in merito a tutti quei discorsi da "dimenticare".

Altri...
Click on the slide!

SCUSA ME LA FAI UNA STORIA

Tutte le vostre storie ...

Altri...
Click on the slide!

L'OROSCOPO DELLA CONGIUNTURA POLITICA

Il nostro simpatico Oroscopo della Congiuntura Politica.

Altri...
Click on the slide!

LINK CONSIGLIATI E SCONSIGLIATI

I nostri consigli su tutto ciò che offre il web.

Altri...
Frontpage Slideshow (version 2.0.0) - Copyright © 2006-2008 by JoomlaWorks

INCHIESTE

ESODO LAST FIVE ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI (PER CATEGORIE)

Prime note su cognizioni ed illusioni nel sapere astronomico

Prime note su
cognizioni ed
illusioni nel sapere
astronomico
Franco Piperno




Queste note sono interne ad una lunga consuetudine di interlocuzione - su ciò che è vero o
reale e ciò che è c...
Leggi tutto...

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

di Mattia Gallo

Di seguito una selezione dei celebri mattoncini danesi coinvolti in personaggi, situazioni storiche e battaglie di oggi, schierati dalla parte antisistema. 

 

Sul fatt...

Leggi tutto...

Cosenza migrante

Cosenza migrante

di Mattia Gallo

 

Cosenza tra le prime città di emigrazione in Italia: questo lo dice il Rapporto Italiani nel Mondo 2013, a cura della Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopa...

Leggi tutto...

La nave dei rifiuti

La nave dei rifiuti
 

Butta giù che va in Calabria: i nostri rifiuti producono altre “navi interrate”.

Nell'ultimo mese la “questione Calabrese” ha avuto uno sprazzo di visibilità con le navi dei veleni...
Leggi tutto...

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

INTRO_ 2009: Esco in un interno ed alzo gli occhi…quattromilasettecento metri quadrati di vetro e acciaio segnano la distanza tra ...

Leggi tutto...

Fuori dall'obiettivo 1 : "Curare" il meridione rompendo le servitù volontarie

Fuori dall'obiettivo 1 :
 
 
Dopo il quotidiano spettacolo delle truffe sui fondi pubblici , per le regioni definite in ritardo di sviluppo, marcate come Obiettivo 1, si tratta a questo punto di riportare il ...
Leggi tutto...

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.
 
 

Il ministro ha battuto un colpo: qualche settimana fà , in base ai poteri conferitigli, quasi di sfuggita, da un codicillo annegato nella ultima legge finanziaria, ha decretato l...

Leggi tutto...

Discussione sul Reddito BIN-ITALIA a Salerno 2010


… dell’associazione giù a Salerno, ci assumiamo anche un compito latamente politico, cioè quello di cercare, in una realtà, tra l’altro come quella meridionale che del passaggio tr...

Leggi tutto...

Discorso dulla servitù volontaria

Discorso dulla servitù volontaria
Il "Discorso sulla servitù volontaria" è una di quelle opere dallo strano destino: ignorata per lunghi periodi improvvisamente riesce ad accendere non solo dispute fra storici ma a...
Leggi tutto...

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

(cartina del 1693  dell'abate Pacichelli)

 

 

Di seguito un estratto dal contributo “Per vedere occorre prima chiudere gli occhi”, di Massimo Ciglio, pubblicato nel libro “Vento del m...

Leggi tutto...

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

 

L’otto marzo da poco trascorso ad Istanbul si ricorderà per l’importante partecipazione al corteo in difesa dei diritti delle donne in un paese dove il governo di Erdogan tende a ...

Leggi tutto...

monologo d'amore

Lui mi diceva sempre:
 
LE CONDIZIONI SONO ATMOSFERICHE COMUNQUE,
COMUNQUE METEOROLOGICHE.
 
Mi diceva.
Ed io non capivo; intuivo, percepivo, però proprio capire no, mai!
Poi una notte, d...
Leggi tutto...

Consumatori (in)governabili

Consumatori (in)governabili

1. La critica della società dei consumi è sport antico e ricorrente. Peccato che troppo spesso si riduca a lamentazione nostalgica, o, ancora peggio, si t...

Leggi tutto...

LINK SITI AMICI

BIN ITALIACASA EDITRICE COESSENZAREPUBBLICA ROMANARADIO CIROMAACTIONRADIOSSINADINAMOSTORIE MIGRANTI

Chi è ON-LINE

 46 visitatori online

ULTIME NOTIZIE

Main Menu

ESODO MUSICA

There seems to be an error with the player !

ASCOLTA RADIO CIROMA

Radio Ciroma

listen with Window Media Player   listen with Winamp   listen with iTunes   listen with RealPlayer
$errstr: $errno