• Registrati
    *
    *
    *
    *
    *
    Fields marked with an asterisk (*) are required.
You are here:

Lavorare nei call-center in Calabria

E-mail Stampa PDF
 
 

PREMESSA


Un argomento di grande attualità e portata sociale è quello a cui si rivolge la nostra attenzione. L’incremento oltremodo del numero di lavoratori dei call-center è un fenomeno che coinvolge direttamente diverse problematiche sociali e culturali del nostro Paese, con particolare attenzione per il Sud Italia.
Attorno al “magico mondo della comunicazione” ruotano termini come flessibilità, precarietà, alienazione, insoddisfazione dei singoli lavoratori che si combinano con temi politici di portata nazionale (quali agevolazioni finanziarie,  sindacati  e circolari ministeriali).
Un fenomeno più che mai in espansione che, se inizialmente interessava le fasce di età più giovani, oggi, riguarda la generalità di lavoratori che vive la realtà della flessibilità-precarietà. Infatti, l’immagine del precario è una figura prismatica, cioè con tanti volti, tanti aspetti e stili di vita differenti, un’ immagine difficilmente riconducibile ad un tipo del quale poter delineare gli aspetti salienti.
Il meridione è una delle zone maggiormente interessate dalla diffusione del fenomeno anche perché forte è stata la spinta delle politiche locali e nazionali per l’insediamento di strutture che avrebbero dovuto migliorare la difficile situazione occupazionale del Sud.
La politica dei contratti di localizzazione ha, infatti, favorito l’espansione di organismi produttivi nuovi, promuovendo gli investimenti di capitali al Sud da parte di imprenditori del Nord ed esteri, il che oltre a permettere di sfruttare i fondi messi a disposizione a livello regionale, ha favorito l’ approvvigionamento di risorse umane qualificate a basso costo.
Il call-center rappresenta uno dei più potenti strumenti di marketing nelle mani degli imprenditori, che, oltre a sfruttare le potenzialità di un’attività che mette le imprese in relazione diretta con i consumatori, hanno il vantaggio di poter attingere ad un ampio bacino di giovani menti che, viste le difficoltà nel trovare un impiego adatto alle reali capacità tecnico-culturali acquisite, accettano di svolgere attività sottoqualificanti e mal retribuite come l’operatore call-center.
Tali lavoratori vivono lo spettro del lavoro routinario, del lavoro che deve allenare la mente a ragionare nell’ottica dei clienti, che deve istruire ad adoperare certi termini piuttosto che altri e che deve temprare al facile e falso sorriso. La situazione occupazionale odierna non consente di scegliere perché tutto è accettabile purché contribuisca ad incrementare il reddito, anche se si tratta di un salario minimo, di un contratto poco tutelato a livello sindacale, se non sono rispettate le norme igienico - sanitarie all’interno delle strutture lavorative. Queste condizioni  contribuiscono ad aumentare l’instabilità, il malcontento e lo stress di tutti quelli che vivono tale realtà.
Proprio per questi svariati motivi il call-center rappresenta la sintesi perfetta per descrivere i disagi socio-lavorativi che l’odierno operaio è costretto ad affrontare per far capo alle proprie esigenze di vita.
Se durante l’evoluzione fordista l’immagine che meglio poteva rappresentare il disagio del lavoratore era quella della fabbrica, nella fase post-fordista, in cui sempre maggiore importanza ha assunto la fidelizzazione del cliente con una pronta risposta alle sue eterogenee esigenze, è il call-center la fabbrica del nuovo millennio in cui sorrisi, gentilezze e cortesie sono solo i tasselli di una singolare catena di montaggio.

Leggi tutto l'articolo in PDF.

(Nella e Francesca autori)

 


Condividi su Facebook
 

Ultimi Eventi Inseriti

No current events.

ESODO CONTENUTI

Click on the slide!

INCHIESTE

In questa sezione potrete trovare tutti gli articoli relativi alle nostre inchieste. 

Altri...
Click on the slide!

POLITICA

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi alla politica locale, italiana ed estera.

Altri...
Click on the slide!

ASSEMBLEE / INCONTRI

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi a manifestazione, assemblee ed incontri. 

Altri...
Click on the slide!

ONDE E PARTICELLE : DOVE ANDARE E DOVE NO

Onde e Particelle : dove andare e dove no

Altri...
Click on the slide!

DISCORSI DA DIMENTICARE

Troverete i nostri articoli in merito a tutti quei discorsi da "dimenticare".

Altri...
Click on the slide!

SCUSA ME LA FAI UNA STORIA

Tutte le vostre storie ...

Altri...
Click on the slide!

L'OROSCOPO DELLA CONGIUNTURA POLITICA

Il nostro simpatico Oroscopo della Congiuntura Politica.

Altri...
Click on the slide!

LINK CONSIGLIATI E SCONSIGLIATI

I nostri consigli su tutto ciò che offre il web.

Altri...
Frontpage Slideshow (version 2.0.0) - Copyright © 2006-2008 by JoomlaWorks

INCHIESTE

ESODO LAST FIVE ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI (PER CATEGORIE)

Prime note su cognizioni ed illusioni nel sapere astronomico

Prime note su
cognizioni ed
illusioni nel sapere
astronomico
Franco Piperno




Queste note sono interne ad una lunga consuetudine di interlocuzione - su ciò che è vero o
reale e ciò che è c...
Leggi tutto...

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

di Mattia Gallo

Di seguito una selezione dei celebri mattoncini danesi coinvolti in personaggi, situazioni storiche e battaglie di oggi, schierati dalla parte antisistema. 

 

Sul fatt...

Leggi tutto...

Cosenza migrante

Cosenza migrante

di Mattia Gallo

 

Cosenza tra le prime città di emigrazione in Italia: questo lo dice il Rapporto Italiani nel Mondo 2013, a cura della Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopa...

Leggi tutto...

La nave dei rifiuti

La nave dei rifiuti
 

Butta giù che va in Calabria: i nostri rifiuti producono altre “navi interrate”.

Nell'ultimo mese la “questione Calabrese” ha avuto uno sprazzo di visibilità con le navi dei veleni...
Leggi tutto...

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

INTRO_ 2009: Esco in un interno ed alzo gli occhi…quattromilasettecento metri quadrati di vetro e acciaio segnano la distanza tra ...

Leggi tutto...

Fuori dall'obiettivo 1 : "Curare" il meridione rompendo le servitù volontarie

Fuori dall'obiettivo 1 :
 
 
Dopo il quotidiano spettacolo delle truffe sui fondi pubblici , per le regioni definite in ritardo di sviluppo, marcate come Obiettivo 1, si tratta a questo punto di riportare il ...
Leggi tutto...

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.
 
 

Il ministro ha battuto un colpo: qualche settimana fà , in base ai poteri conferitigli, quasi di sfuggita, da un codicillo annegato nella ultima legge finanziaria, ha decretato l...

Leggi tutto...

Discussione sul Reddito BIN-ITALIA a Salerno 2010


… dell’associazione giù a Salerno, ci assumiamo anche un compito latamente politico, cioè quello di cercare, in una realtà, tra l’altro come quella meridionale che del passaggio tr...

Leggi tutto...

Discorso dulla servitù volontaria

Discorso dulla servitù volontaria
Il "Discorso sulla servitù volontaria" è una di quelle opere dallo strano destino: ignorata per lunghi periodi improvvisamente riesce ad accendere non solo dispute fra storici ma a...
Leggi tutto...

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

(cartina del 1693  dell'abate Pacichelli)

 

 

Di seguito un estratto dal contributo “Per vedere occorre prima chiudere gli occhi”, di Massimo Ciglio, pubblicato nel libro “Vento del m...

Leggi tutto...

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

 

L’otto marzo da poco trascorso ad Istanbul si ricorderà per l’importante partecipazione al corteo in difesa dei diritti delle donne in un paese dove il governo di Erdogan tende a ...

Leggi tutto...

monologo d'amore

Lui mi diceva sempre:
 
LE CONDIZIONI SONO ATMOSFERICHE COMUNQUE,
COMUNQUE METEOROLOGICHE.
 
Mi diceva.
Ed io non capivo; intuivo, percepivo, però proprio capire no, mai!
Poi una notte, d...
Leggi tutto...

Consumatori (in)governabili

Consumatori (in)governabili

1. La critica della società dei consumi è sport antico e ricorrente. Peccato che troppo spesso si riduca a lamentazione nostalgica, o, ancora peggio, si t...

Leggi tutto...

LINK SITI AMICI

BIN ITALIACASA EDITRICE COESSENZAREPUBBLICA ROMANARADIO CIROMAACTIONRADIOSSINADINAMOSTORIE MIGRANTI

Chi è ON-LINE

 25 visitatori online

ULTIME NOTIZIE

Main Menu

ESODO MUSICA

There seems to be an error with the player !

ASCOLTA RADIO CIROMA

Radio Ciroma

listen with Window Media Player   listen with Winamp   listen with iTunes   listen with RealPlayer
$errstr: $errno