Formazione della soggettività nella società mediale

Stampa
Quello che segue è la trascrizione dell'intervento tenuto da Silvano Cacciari in un primo incontro seminariale organizzato in collaborazione con compagni e le compagne del Laboratorio Occupato Crash, sulla formazione delle soggettività in epoca mediale.

Questo primo ciclo di incontri sulla formazione delle soggettività, sopratutto di quelle politiche, nella società mediale non può che partire da una legge aurea, per quanto non scritta, che si impone nella politica contemporanea ed in particolar modo in quella neo-liberale. Tale legge enuncia il fatto che è un soggetto politico colui che costruisce media e che è un soggetto mediale colui che è in grado di fare politica.

C'è quindi un cerchio magico, in questo caso di tipo perverso, che passa attraverso un percorso continuo di intermediazione tra i ceti politici ed il management mediale, che compone la cifra e la forma della politica nelle società neo-liberali.

Questo fatto è il frutto di una profonda ristrutturazione del discorso pubblico, che ha attraversato tutte le società occidentali così come le conosciamo e che, paradossalmente, è sia una ricostruzione del discorso pubblico, ma è anche e sopratutto, un profondo processo di privatizzazione della politica. Questo accade, anche perché, i soggetti che sono egemoni all'interno di questo cerchio magico, che sostanzialmente governano questa forma della politica, sono ascrivibili o al management privato o al ceto politico che accumula ricchezza tramite le cariche pubbliche di cui è investito...
 
Continua a leggere l'articolo su INFOAUT...
 
(autore INFOAUT)
 

Condividi su Facebook