• Registrati
    *
    *
    *
    *
    *
    Fields marked with an asterisk (*) are required.
You are here:

BASTA (STATO)

E-mail Stampa PDF

Ci sono cose che non capisco. Cose da rabbrividire, cose che, al solo pensarci, mi viene da vomitare. La fiducia nello Stato è una di queste, sicuramente la più importante, quella che mi tormenta di più. Abito un mondo che reprime il pensiero (veramente) critico ed elogia il servilismo. Il posto dove vivo è un posto strano. È un posto dove tutto è capovolto. È considerato pazzo chi non accetta di subire passivamente le assurde regole imposte dal potere per autoalimentarsi, e perfettamente normale chi invece obbedisce a testa china, in silenzio, nella paura. Ma cerchiamo di andare con ordine. Chi è che fa queste considerazioni? Beh tutti le fanno, la maggior parte, la volontà generale, l’opinione pubblica. Se fossero i portavoce dei ministri o gli stessi in persona, se fosse il presidente della repubblica, qualche banchiere o grande industriale, se fosse uno a caso di quei vermi che strisciano su, ai piani alti di questa società, a considerare pazzo il ribelle e normale il servo, non ci sarebbe nulla di cui stupirsi. Il problema è che non è così. Il problema è che per uno solo di quei porci ci stanno 100 venduti che soffiano sulla brace per tenere vivo quello stesso fuoco che brucia loro le vite. E io questo non lo posso capire.

 Vorrei che la smettessimo di lasciarci sfruttare, di farci guidare da infami patentati che null’altro hanno a cuore (ammesso che ce l’abbiano queste carogne di merda) se non loro stessi, la loro schifosa ricchezza, il loro osceno potere. Ognuno di noi potrebbe porsi la domanda “se io fossi al loro posto, al posto dei padroni, che farei?” e l’unica risposta dovrebbe essere che questa domanda è sbagliata, e in quanto tale non può avere nessuna risposta. Perché l’unica risposta possibile ci riporterebbe al punto in cui siamo oggi noi tutti, il punto in cui la merda è più alta e puzza di più. Questa domanda è sbagliata perché non la si può porre al singolare. L’unico modo per poter sovvertire questo stato di cose è di riformularla, la domanda, al plurale questa volta, per ristabilire le parti, perché i potenti vogliono dominare i popoli, e i popoli devono voler distruggere i potenti. E non possono più esserci compromessi o scorciatoie. È lo stato che ruba e il popolo che viene derubato.  

DelfinA 


Condividi su Facebook
 

Ultimi Eventi Inseriti

No current events.

ESODO CONTENUTI

Click on the slide!

INCHIESTE

In questa sezione potrete trovare tutti gli articoli relativi alle nostre inchieste. 

Altri...
Click on the slide!

POLITICA

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi alla politica locale, italiana ed estera.

Altri...
Click on the slide!

ASSEMBLEE / INCONTRI

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi a manifestazione, assemblee ed incontri. 

Altri...
Click on the slide!

ONDE E PARTICELLE : DOVE ANDARE E DOVE NO

Onde e Particelle : dove andare e dove no

Altri...
Click on the slide!

DISCORSI DA DIMENTICARE

Troverete i nostri articoli in merito a tutti quei discorsi da "dimenticare".

Altri...
Click on the slide!

SCUSA ME LA FAI UNA STORIA

Tutte le vostre storie ...

Altri...
Click on the slide!

L'OROSCOPO DELLA CONGIUNTURA POLITICA

Il nostro simpatico Oroscopo della Congiuntura Politica.

Altri...
Click on the slide!

LINK CONSIGLIATI E SCONSIGLIATI

I nostri consigli su tutto ciò che offre il web.

Altri...
Frontpage Slideshow (version 2.0.0) - Copyright © 2006-2008 by JoomlaWorks

INCHIESTE

ESODO LAST FIVE ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI (PER CATEGORIE)

Prime note su cognizioni ed illusioni nel sapere astronomico

Prime note su
cognizioni ed
illusioni nel sapere
astronomico
Franco Piperno




Queste note sono interne ad una lunga consuetudine di interlocuzione - su ciò che è vero o
reale e ciò che è c...
Leggi tutto...

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

di Mattia Gallo

Di seguito una selezione dei celebri mattoncini danesi coinvolti in personaggi, situazioni storiche e battaglie di oggi, schierati dalla parte antisistema. 

 

Sul fatt...

Leggi tutto...

Cosenza migrante

Cosenza migrante

di Mattia Gallo

 

Cosenza tra le prime città di emigrazione in Italia: questo lo dice il Rapporto Italiani nel Mondo 2013, a cura della Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopa...

Leggi tutto...

La nave dei rifiuti

La nave dei rifiuti
 

Butta giù che va in Calabria: i nostri rifiuti producono altre “navi interrate”.

Nell'ultimo mese la “questione Calabrese” ha avuto uno sprazzo di visibilità con le navi dei veleni...
Leggi tutto...

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

INTRO_ 2009: Esco in un interno ed alzo gli occhi…quattromilasettecento metri quadrati di vetro e acciaio segnano la distanza tra ...

Leggi tutto...

Fuori dall'obiettivo 1 : "Curare" il meridione rompendo le servitù volontarie

Fuori dall'obiettivo 1 :
 
 
Dopo il quotidiano spettacolo delle truffe sui fondi pubblici , per le regioni definite in ritardo di sviluppo, marcate come Obiettivo 1, si tratta a questo punto di riportare il ...
Leggi tutto...

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.
 
 

Il ministro ha battuto un colpo: qualche settimana fà , in base ai poteri conferitigli, quasi di sfuggita, da un codicillo annegato nella ultima legge finanziaria, ha decretato l...

Leggi tutto...

Discussione sul Reddito BIN-ITALIA a Salerno 2010


… dell’associazione giù a Salerno, ci assumiamo anche un compito latamente politico, cioè quello di cercare, in una realtà, tra l’altro come quella meridionale che del passaggio tr...

Leggi tutto...

Discorso dulla servitù volontaria

Discorso dulla servitù volontaria
Il "Discorso sulla servitù volontaria" è una di quelle opere dallo strano destino: ignorata per lunghi periodi improvvisamente riesce ad accendere non solo dispute fra storici ma a...
Leggi tutto...

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

(cartina del 1693  dell'abate Pacichelli)

 

 

Di seguito un estratto dal contributo “Per vedere occorre prima chiudere gli occhi”, di Massimo Ciglio, pubblicato nel libro “Vento del m...

Leggi tutto...

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

 

L’otto marzo da poco trascorso ad Istanbul si ricorderà per l’importante partecipazione al corteo in difesa dei diritti delle donne in un paese dove il governo di Erdogan tende a ...

Leggi tutto...

monologo d'amore

Lui mi diceva sempre:
 
LE CONDIZIONI SONO ATMOSFERICHE COMUNQUE,
COMUNQUE METEOROLOGICHE.
 
Mi diceva.
Ed io non capivo; intuivo, percepivo, però proprio capire no, mai!
Poi una notte, d...
Leggi tutto...

Consumatori (in)governabili

Consumatori (in)governabili

1. La critica della società dei consumi è sport antico e ricorrente. Peccato che troppo spesso si riduca a lamentazione nostalgica, o, ancora peggio, si t...

Leggi tutto...

LINK SITI AMICI

BIN ITALIACASA EDITRICE COESSENZAREPUBBLICA ROMANARADIO CIROMAACTIONRADIOSSINADINAMOSTORIE MIGRANTI