• Registrati
    *
    *
    *
    *
    *
    Fields marked with an asterisk (*) are required.
You are here:

Cronache dalla Calabria: la rivolta degli alberi del 2014

E-mail Stampa PDF
Indice
Cronache dalla Calabria: la rivolta degli alberi del 2014
Pagina 2
Tutte le pagine

 

Eravamo nel freddo marzo del 2014 e sulle verdeggianti montagne calabre giunse voce che di lì a poco sarebbero arrivati i tagliatori di alberi.  

Il movimento degli alberi, che fino ad allora aveva perso diversi compagni tra lacrime di resina e linfa calda, si spostava, ogni anno, lentamente, verso il Nord ma questo non bastava per mettersi al riparo. E questo da epoche remote. Già al tempo dei bretti, con la conquista dei romani, quegli alberi ad alto fusto, coperti di resina con le chiome che cambiavano colore dal verde scuro al grigio argento nella luce cangiante delle giornate fino a ricoprirsi come di glassa bianca sotto le nevicate, venivano tagliati e portati via verso Roma. Si racconta che nel corso del tempo gli abitanti di quei boschi avessero imparato a riconoscere il suono del pianto degli alberi che risuonava fino a valle.  

Quell’anno, i pini larici, gli abeti bianchi, i faggi e il sottobosco, marmotte, tassi, lupi, volpi scoiattoli, si riunirono per discutere e decidere insieme una strategia per resistere. Le assemblee duravano notti intere fino all’alba, in un clima di forte attenzione e collaborazione. Alla fine si decise che le radici, cambiando posizione nel terreno, avrebbero creato una trincea intorno alla quale i rovi, a loro volta, sarebbero cresciuti costruendo una barriera. Altre trappole furono costruite qua e là, riempite di sterco di mucca e coperte da muschio.

Quando la banda dei tagliatori arrivò, pensava di trovare il lavoro facile come ogni anno, scesero dai grandi SUV e s’incamminarono su per il sentiero. Sulla strada trovarono una volpe con una lunga coda, che sfrecciò via a grandi balzi, con gli occhi pieni di paura cercando di schivare i colpi di fucile di un bracconiere, che ammazzava volpi e lupi per farne pellicce per sua moglie. Arrivati nelle vicinanze della trincea, i rovi tennero la postazione e solo dopo due ore la banda dei tagli riuscì a passare finendo nel fossato. Lì accadde una cosa spettacolare: gli alberi a largo fusto, i più anziani, con le loro chiome si unirono a quelli più giovani fino a formare un grandissimo albero cuneiforme. Questa convergenza aveva creato un vento che si gonfiava sempre più, facendo cadere chili di aghi sui tagliatori che riuscirono a salvarsi solo perché si aggrapparono ad alcune radici compassionevoli per uscire dalla trincea, scappare verso i SUV, mettere in moto e ripartire.

La storia della rivolta degli alberi viaggiò per la Calabria, portata dagli uccelli migratori di luogo in luogo, e poi dal sud al nord, verso Amburgo e oltre. Intanto in Calabria, quell’azione comune in difesa della bellezza e della giustizia vide piano piano uscire dalle case gli abitanti dei paesi che, come quelli della città, erano stati per anni vittime di un sortilegio che gli faceva vedere il bene al posto del male e viceversa. Fu così che si giustificarono, con la complice passività di molti abitanti assoggetti dall’incantesimo, quelle grandi e piccole opere del disprezzo: le colate di cemento nelle città, di cui viale Mancini era un esempio; le discariche di rifiuti che aumentavano senza controllo, come a Celico; il traffico urbano e molte altre brutture ideate da politici e imprenditori.  La rivolta degli alberi ebbe molti effetti, le forme di lotta vennero da paese in paese adeguate ai contesti locali e alle forze in campo.




Condividi su Facebook
 

Ultimi Eventi Inseriti

No current events.

ESODO CONTENUTI

Click on the slide!

INCHIESTE

In questa sezione potrete trovare tutti gli articoli relativi alle nostre inchieste. 

Altri...
Click on the slide!

POLITICA

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi alla politica locale, italiana ed estera.

Altri...
Click on the slide!

ASSEMBLEE / INCONTRI

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi a manifestazione, assemblee ed incontri. 

Altri...
Click on the slide!

ONDE E PARTICELLE : DOVE ANDARE E DOVE NO

Onde e Particelle : dove andare e dove no

Altri...
Click on the slide!

DISCORSI DA DIMENTICARE

Troverete i nostri articoli in merito a tutti quei discorsi da "dimenticare".

Altri...
Click on the slide!

SCUSA ME LA FAI UNA STORIA

Tutte le vostre storie ...

Altri...
Click on the slide!

L'OROSCOPO DELLA CONGIUNTURA POLITICA

Il nostro simpatico Oroscopo della Congiuntura Politica.

Altri...
Click on the slide!

LINK CONSIGLIATI E SCONSIGLIATI

I nostri consigli su tutto ciò che offre il web.

Altri...
Frontpage Slideshow (version 2.0.0) - Copyright © 2006-2008 by JoomlaWorks

INCHIESTE

ESODO LAST FIVE ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI (PER CATEGORIE)

Prime note su cognizioni ed illusioni nel sapere astronomico

Prime note su
cognizioni ed
illusioni nel sapere
astronomico
Franco Piperno




Queste note sono interne ad una lunga consuetudine di interlocuzione - su ciò che è vero o
reale e ciò che è c...
Leggi tutto...

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

di Mattia Gallo

Di seguito una selezione dei celebri mattoncini danesi coinvolti in personaggi, situazioni storiche e battaglie di oggi, schierati dalla parte antisistema. 

 

Sul fatt...

Leggi tutto...

Cosenza migrante

Cosenza migrante

di Mattia Gallo

 

Cosenza tra le prime città di emigrazione in Italia: questo lo dice il Rapporto Italiani nel Mondo 2013, a cura della Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopa...

Leggi tutto...

La nave dei rifiuti

La nave dei rifiuti
 

Butta giù che va in Calabria: i nostri rifiuti producono altre “navi interrate”.

Nell'ultimo mese la “questione Calabrese” ha avuto uno sprazzo di visibilità con le navi dei veleni...
Leggi tutto...

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

INTRO_ 2009: Esco in un interno ed alzo gli occhi…quattromilasettecento metri quadrati di vetro e acciaio segnano la distanza tra ...

Leggi tutto...

Fuori dall'obiettivo 1 : "Curare" il meridione rompendo le servitù volontarie

Fuori dall'obiettivo 1 :
 
 
Dopo il quotidiano spettacolo delle truffe sui fondi pubblici , per le regioni definite in ritardo di sviluppo, marcate come Obiettivo 1, si tratta a questo punto di riportare il ...
Leggi tutto...

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.
 
 

Il ministro ha battuto un colpo: qualche settimana fà , in base ai poteri conferitigli, quasi di sfuggita, da un codicillo annegato nella ultima legge finanziaria, ha decretato l...

Leggi tutto...

Discussione sul Reddito BIN-ITALIA a Salerno 2010


… dell’associazione giù a Salerno, ci assumiamo anche un compito latamente politico, cioè quello di cercare, in una realtà, tra l’altro come quella meridionale che del passaggio tr...

Leggi tutto...

Discorso dulla servitù volontaria

Discorso dulla servitù volontaria
Il "Discorso sulla servitù volontaria" è una di quelle opere dallo strano destino: ignorata per lunghi periodi improvvisamente riesce ad accendere non solo dispute fra storici ma a...
Leggi tutto...

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

(cartina del 1693  dell'abate Pacichelli)

 

 

Di seguito un estratto dal contributo “Per vedere occorre prima chiudere gli occhi”, di Massimo Ciglio, pubblicato nel libro “Vento del m...

Leggi tutto...

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

 

L’otto marzo da poco trascorso ad Istanbul si ricorderà per l’importante partecipazione al corteo in difesa dei diritti delle donne in un paese dove il governo di Erdogan tende a ...

Leggi tutto...

monologo d'amore

Lui mi diceva sempre:
 
LE CONDIZIONI SONO ATMOSFERICHE COMUNQUE,
COMUNQUE METEOROLOGICHE.
 
Mi diceva.
Ed io non capivo; intuivo, percepivo, però proprio capire no, mai!
Poi una notte, d...
Leggi tutto...

Consumatori (in)governabili

Consumatori (in)governabili

1. La critica della società dei consumi è sport antico e ricorrente. Peccato che troppo spesso si riduca a lamentazione nostalgica, o, ancora peggio, si t...

Leggi tutto...

LINK SITI AMICI

BIN ITALIACASA EDITRICE COESSENZAREPUBBLICA ROMANARADIO CIROMAACTIONRADIOSSINADINAMOSTORIE MIGRANTI