• Registrati
    *
    *
    *
    *
    *
    Fields marked with an asterisk (*) are required.
You are here:

Ichino e Monti: sapere per omettere

E-mail Stampa PDF

 E’ di pochi giorni fa la comparsa di un articolo di Ichino sul Corriere delle Sera. Il titolo è ammiccante “Padri e figli insieme per stare meglio seguendo il modello scandinavo”. Messa così, si ci aspetterebbe almeno che una volta venisse citato il reddito di cittadinanza. Invece no.  Per Ichino  la radicale trasformazione del mercato del lavoro che il nuovo governo si appresta a varare è una buona mossa, utile per ogni stagione, per le crisi e non. Di cosa si tratta? Tutti assunti a tempo indeterminato ma anche tutti licenziabili. E poi? Il sistema prevede due anni di continuità di reddito, mentre si aiuta l’ex-lavoratore a riqualificarsi e a trovare un nuovo lavoro. E qui già le cose appaiono per quelle che sono. L’azienda, il padrone, o chi vuoi ti sfrutta fino a quando può, poi se serve ti licenzia. Poco importa se come è più volte accaduto in Calabria, gli imprenditori dopo aver agguantato i fondi pubblici e avviato una parvenza di attività si dileguano dichiarando bancarotta. Ichino non considera le anomalie, prosegue dritto all’elogio del possibile che tra breve si pensa di far diventare realtà, con i sindacati messi all’angolo, ridotti in silenzio, proprio nel momento travolgente della riforma culminante.

Si smantellano i diritti per far in modo che tutti i lavoratori, o i potenziali lavoratori, siano sfruttabili just in time. In questo quadro si inserisce anche l’ultima mossa della Fiat che da gennaio abolisce tutti i vecchi  contratti per estendere ai 72mila lavoratori del gruppo il modello Pomigliano, uno dei peggiori degli ultimi trent’anni  in termini di rappresentanza sindacale e condizioni di lavoro. Intanto,  lo scontro tra la Fiat e la Fiom, il sindacato più rappresentativo e combattivo, si protrae e incancrenisce. La partita pende a favore della Fiat per il momento, anche perché la paura della crisi gioca da calmiere, ma fino a quando questo equilibrio fatto di salario e paura potrà reggere?  Basterà un sindacato aziendale e corporativo a trattenere il fuggitivo Marchionne dalla speranza di profitto in aumento su altri mercati. Basterà a far sì che un imprenditore, allenato a ragionare in termini di quanto ci guadagno e quanto perdo, si accontenti dei bruscolini che il mercato europeo offre.  

Ma torniamo alle ragioni di Ichino e alla presunta bontà del piano Monti, il nostro dice che attualmente la cassa integrazione straordinaria ci costa troppo e che queste innovazioni permetteranno anche a quelli che attualmente sono fuori dalla rete, di poter usufruire di una protezione, ipotizzando un sistema di piena flessibilità per tutti bilanciato dalla riduzione della precarietà. Il punto è che fuori dalla rete restano i giovani, i non occupati, quelli a cui non verrà dato un reddito di cittadinanza, ma solo una bella pacca sulla spalla e la consegna alla generosità familiare, là dove questa è ancora possibile. L’altro aspetto riguarda gli stessi lavoratori che la flexicurity dovrebbe proteggere. Anche lì le cose non vanno tanto bene dal momento che molti sono i dubbi sull’efficacia dei  corsi di formazione riqualificanti per poter rimbalzare da un  vecchio lavoro ad uno nuovo.   Il punto è che anche in tempo di crisi, soprattutto in tempo di crisi si rischia facilmente di perdere la bussola. Ichino deve aver preso una svista, e con lui quanti in questi giorni dai pulpiti mediatici più ascoltati si affannano a sostenere la campagna di legittimazione del liquidatore fallimentare Monti, lo stesso che per anni ha frequentato il giro dell’alta finanza insieme alla sua banda di esperti. Tra i tanti che proprio non sono riusciti a starsene decorosamente in silenzio, un pensiero di riguardo va a Casini, in particolare per i suoi sforzi di risultare credibile nella recita. Al di là del lato buffo quello che irrita è che la richiesta di fare sacrifici venga da questi tipi qua che ti chiedono di risparmiare sulle medicine per i reumatismi mentre loro volano con l’aereo privato a Cuba. Anche ieri sera, nel vederli lì a raccontarci che la manovra “lacrime e sangue” era l’unico rimedio possibile per un paese in disgrazia,  ti viene da pensare  “non ci vuole poi molto a rassegnare le dimissioni, andatevene prima che giri male, perché quando le persone sperimenteranno la drastica ricetta Monti per molti non ci sarà il secondo appello”.  Certo Monti deve averci pensato visto che proprio ieri ha annunciato la sua rinuncia ai compensi che gli spettano come presidente del Consiglio nel corso della conferenza stampa sull’ultima manovra. Abile mossa comunicativa, non si discute. Però qualcuno dovrebbe pur ricordargli che  fino ad un mese fa era il rettore della Bocconi, e che la sua disponibilità economica non è di certo quella di un pensionato da 460 ero al mese. E poi la generosità non si pubblicizza, non è una bella prova di stile, almeno questo il professor Monti dovrebbe saperlo.    

 


Condividi su Facebook
 

Ultimi Eventi Inseriti

No current events.

ESODO CONTENUTI

Click on the slide!

INCHIESTE

In questa sezione potrete trovare tutti gli articoli relativi alle nostre inchieste. 

Altri...
Click on the slide!

POLITICA

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi alla politica locale, italiana ed estera.

Altri...
Click on the slide!

ASSEMBLEE / INCONTRI

In questa sezione troverete tutti gli articoli relativi a manifestazione, assemblee ed incontri. 

Altri...
Click on the slide!

ONDE E PARTICELLE : DOVE ANDARE E DOVE NO

Onde e Particelle : dove andare e dove no

Altri...
Click on the slide!

DISCORSI DA DIMENTICARE

Troverete i nostri articoli in merito a tutti quei discorsi da "dimenticare".

Altri...
Click on the slide!

SCUSA ME LA FAI UNA STORIA

Tutte le vostre storie ...

Altri...
Click on the slide!

L'OROSCOPO DELLA CONGIUNTURA POLITICA

Il nostro simpatico Oroscopo della Congiuntura Politica.

Altri...
Click on the slide!

LINK CONSIGLIATI E SCONSIGLIATI

I nostri consigli su tutto ciò che offre il web.

Altri...
Frontpage Slideshow (version 2.0.0) - Copyright © 2006-2008 by JoomlaWorks

INCHIESTE

ESODO LAST FIVE ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI (PER CATEGORIE)

Prime note su cognizioni ed illusioni nel sapere astronomico

Prime note su
cognizioni ed
illusioni nel sapere
astronomico
Franco Piperno




Queste note sono interne ad una lunga consuetudine di interlocuzione - su ciò che è vero o
reale e ciò che è c...
Leggi tutto...

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

Lego revolution - la rivoluzione fatta dai Lego

di Mattia Gallo

Di seguito una selezione dei celebri mattoncini danesi coinvolti in personaggi, situazioni storiche e battaglie di oggi, schierati dalla parte antisistema. 

 

Sul fatt...

Leggi tutto...

Cosenza migrante

Cosenza migrante

di Mattia Gallo

 

Cosenza tra le prime città di emigrazione in Italia: questo lo dice il Rapporto Italiani nel Mondo 2013, a cura della Fondazione Migrantes della Conferenza Episcopa...

Leggi tutto...

La nave dei rifiuti

La nave dei rifiuti
 

Butta giù che va in Calabria: i nostri rifiuti producono altre “navi interrate”.

Nell'ultimo mese la “questione Calabrese” ha avuto uno sprazzo di visibilità con le navi dei veleni...
Leggi tutto...

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Caserta: Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

Saint Gobain: tra sogno comune e interessi privati

INTRO_ 2009: Esco in un interno ed alzo gli occhi…quattromilasettecento metri quadrati di vetro e acciaio segnano la distanza tra ...

Leggi tutto...

Fuori dall'obiettivo 1 : "Curare" il meridione rompendo le servitù volontarie

Fuori dall'obiettivo 1 :
 
 
Dopo il quotidiano spettacolo delle truffe sui fondi pubblici , per le regioni definite in ritardo di sviluppo, marcate come Obiettivo 1, si tratta a questo punto di riportare il ...
Leggi tutto...

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.

L'Università italiana all'epoca di Mussi. Le rovine dell'Università, i decreti di Mussi e il '68.
 
 

Il ministro ha battuto un colpo: qualche settimana fà , in base ai poteri conferitigli, quasi di sfuggita, da un codicillo annegato nella ultima legge finanziaria, ha decretato l...

Leggi tutto...

Discussione sul Reddito BIN-ITALIA a Salerno 2010


… dell’associazione giù a Salerno, ci assumiamo anche un compito latamente politico, cioè quello di cercare, in una realtà, tra l’altro come quella meridionale che del passaggio tr...

Leggi tutto...

Discorso dulla servitù volontaria

Discorso dulla servitù volontaria
Il "Discorso sulla servitù volontaria" è una di quelle opere dallo strano destino: ignorata per lunghi periodi improvvisamente riesce ad accendere non solo dispute fra storici ma a...
Leggi tutto...

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

Cosenza 1647: Il popolo è patrone e fa ogni cosa

(cartina del 1693  dell'abate Pacichelli)

 

 

Di seguito un estratto dal contributo “Per vedere occorre prima chiudere gli occhi”, di Massimo Ciglio, pubblicato nel libro “Vento del m...

Leggi tutto...

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

La guerra di Erdogan contro le donne in Turchia

 

L’otto marzo da poco trascorso ad Istanbul si ricorderà per l’importante partecipazione al corteo in difesa dei diritti delle donne in un paese dove il governo di Erdogan tende a ...

Leggi tutto...

monologo d'amore

Lui mi diceva sempre:
 
LE CONDIZIONI SONO ATMOSFERICHE COMUNQUE,
COMUNQUE METEOROLOGICHE.
 
Mi diceva.
Ed io non capivo; intuivo, percepivo, però proprio capire no, mai!
Poi una notte, d...
Leggi tutto...

Consumatori (in)governabili

Consumatori (in)governabili

1. La critica della società dei consumi è sport antico e ricorrente. Peccato che troppo spesso si riduca a lamentazione nostalgica, o, ancora peggio, si t...

Leggi tutto...

LINK SITI AMICI

BIN ITALIACASA EDITRICE COESSENZAREPUBBLICA ROMANARADIO CIROMAACTIONRADIOSSINADINAMOSTORIE MIGRANTI